Due gambe speciali, che aiutano i bambini con problemi del movimento a stare in piedi e a ricominciare a muoversi. Si chiamano Anklebot e WAKE-up e sono due robot all’avanguardia per la riabilitazione motoria sviluppati e utilizzati dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù presso i Laboratori di Robotica e analisi del movimento di Palidoro e Santa Marinella.

L’Ankelbot è un robot utilizzato per riabilitare il movimento delle caviglie di bambini tra i 5 e gli 8 anni affetti da paralisi cerebrale infantile, realizzato dal Bambino Gesù in collaborazione con il MIT (Massachusetts Institute of Technology) di Cambridge, negli USA.  Il Wake-up (Wearable Ankle Knee Exoskeleton) è il prototipo di un dispositivo robotico, sviluppato presso i Laboratori del Bambino Gesù insieme al DEIM-Ingegneria Industriale dell’Università della Tuscia, per la riabilitazione dei giunti articolari di caviglia e ginocchio in bambini con danni neurologici causati da ictus o da paralisi cerebrale infantile.

I due “robot” saranno presentati al “Romecup 2013 – L’eccellenza della robotica” (mercoledì 20 e giovedì 21 marzo), manifestazione che da sette edizioni vede gli istituti tecnici della Capitale sfidarsi in una competizione di robot umanoidi in azione, a cui il Bambino Gesù, Centro di riferimento internazionale nel campo della neuroriabilitazione pediatrica, partecipa per il secondo anno.

Fonte: salute24.ilsole24ore.com