Tecnologia e innovazione in medicina riabilitativa per il miglioramento della qualità della vita.

Il Gait & Motion Analysis Laboratory (laboratorio di analisi del movimento e biomeccanica) dell’Ospedale Sol et Salus di Torre Pedrera ha presentato in Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati il progetto “Phoenix”, un innovativo e tutto italiano esoscheletro indossabile da persone affette da lesioni spinali e non deambulanti.

Roma. Mercoledì 18 ottobre il dottor Davide Mazzoli, direttore del Gait & Motion Analysis Laboratory (laboratorio di analisi del movimento e biomeccanica) dell’Ospedale Sol et Salus di Torre Pedrera (Rimini) ha partecipato, su invito dell’On. Daniela Sbrollini, vice presidente Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, a un’udienza parlamentare tenutasi a Montecitorio per mostrare come l’innovazione tecnologica possa, se ben indirizzata, aiutare il disabile a migliorare la propria qualità di vita.

È stato presentato il progetto “Phoenix” che consiste nell’individuazione di potenziali candidati, affetti da lesioni spinali e non deambulanti, all’utilizzazione di un innovativo e tutto italiano esoscheletro indossabile. La prima fase del progetto si svolge nell’istituto riabilitativo Sol et Salus nel quale la selezione dei candidati all’utilizzo dell’esoscheletro viene effettuata da un team di esperti coordinati dal dottor Mazzoli. Lo scopo del progetto “Phoenix” è di far camminare autonomamente, sotto attenta supervisione di esperti, chi ormai da tempo ha perso ogni speranza di potersi rialzare. Presente in aula anche l’azienda MES di Roma che insieme a Sol et Salus partecipa al progetto in qualità di investitore e produttore del dispositivo.

La bioingegneria italiana ha raggiunto standard molto elevati, distinguendosi nel mondo, e progetti di questo tipo necessitano alti livelli di specializzazione clinica: l’integrazione di tecnologie biomediche avanzate con la pratica clinica quotidiana consente a Sol et Salus di essere all’avanguardia in questo settore. Sol et Salus, specializzato nel campo riabilitativo, è stato individuato da MES quale centro in grado di valutare accuratamente le funzioni motorie residue delle persone non deambulanti a causa di lesioni nervose midollari o per patologie neuromuscolari invalidanti. Se il paziente risulta idoneo si procede con un training specifico e personalizzato volto a stimolare le funzioni motorie residue e ad allenare tutti quei meccanismi di compenso che gli permettano di vicariare parte di deficit motori e sensitivi. La persona si “integra” con la macchina e la indossa come un abito; scopo del training attuato con l’ausilio e la supervisione dei professionisti di Sol et Salus è quello di far sì che tale abito risulti comodo e piacevole da indossare.

I vantaggi nell’uso di un esoscheletro sono innumerevoli: il movimento è terapeutico. Pensiamo a una persona destinata a stare seduta per tutta la vita in una carrozzina; poter camminare per una o due ore in un ambiente “naturale” deospedalizzato ha innumerevoli effetti positivi sulla stimolazione delle capacità motorie residue, sull’autonomia e sulla prevenzione dei danni terziari. Le conseguenze “emozionali” sono importantissime: l’atto del “camminare”, che nell’immaginario comune rappresenta la libertà, per un paziente paraplegico è fonte di una “tempesta emozionale” di tale forza da avere effetti positivi sia sulla sua motivazione sia sulla sua autostima. Il concetto di salute, espresso anche dall’On. Sbrollini e sintetizzabile in “stato di completo benessere fisico, psichico, e sociale” non può fare a meno di tali effetti motivanti. Benessere quindi e miglioramento della qualità della vita. Con il progetto Phoenix che, come sottolinea il dottor Mazzoli è fortemente orientata al futuro, la tecnologia diviene un vero e proprio esempio di “estensione” di noi stessi che ci consente di raggiungere obiettivi altrimenti irraggiungibili e inimmaginabili.

Nella foto da sinistra a destra: D. Mazzoli (Direttore Gait & Motion Analysis Laboratory – Sol et Salus Ospedale Privato Accreditato), Prof. L. Dalle Carbonare (Direttore Corso di Perfezionamento in Metodiche Ortopediche Università di Verona), Dr. Massimo Pulin (Presidente Orthomedica srl Padova°), On. Daniela Sbrollini (Vice Presidente Commissione Affari Sociali), Dr. Gianettore Bertagnoni (Direttore U.O di Riabilitazione e gravi Cerebrolesioni (Vicenza)

http://www.soletsalus.it/service/gait-motion-analysis-laboratory/